"UNA FEDE CHE NON SI FERMA" - DR. CLAUDIO FREIDZON

01/07/2020

Tempo di lettura: 4 minuti

La differenza tra Fede e colpa è che quest'ultima cerca la causa, invece la Fede cerca risposte in Gesù Cristo. Quando una persona cerca la vittoria, si alza e cerca risposte.

Un cieco di Gerico riceve la vista. Luca 18: 35-43 NIV

Proprio come il cieco ha gridato il nome di Gesù, con la convinzione che Gesù avrebbe cambiato il suo presente e futuro, così oggi Dio si ferma oggi ad ascoltare il tuo grido e ti dice: "Che cosa vuoi che io faccia per te?"

Come superare il rifiuto?

1 - Sii in pace con Dio, la priorità numero uno nella tua vita. Gesù vuole ascoltarti, è interessato a trascorrere del tempo con te e che ti diletti nella sua presenza. 2- Assicurati che Dio abbia un piano. Ha preparato un design per te. Non importa cosa dicono gli altri, ma ciò che Dio ha dichiarato sulla tua vita sin dall'inizio. 3- Ricorda che la bontà di Dio è nuova ogni mattina. Il respiro di Dio farà qualcosa di nuovo nella tua vita. Gesù vuole che tu sperimenti ciò che non hai mai ricevuto. 4- Vivi in costante comunione con lo Spirito Santo. Ora è il momento che dobbiamo avvicinarci a Dio e obbedire alla sua parola. La parola di Dio è un seme e ha bisogno di un cuore ricettivo,

chi lo riceve con gioia e lo tiene nel suo cuore.

Che atteggiamento abbiamo oggi nelle nostre situazioni? È tempo di mettere da parte il rinvio di ciò che Dio vuole fare con te. Il momento è adesso.

“Gesù gli disse: Ricevilo, la tua fede ti ha salvato. E poi vide, e lo seguì, glorificando Dio; e tutto il popolo, quando lo vide, lodò Dio ". Luca 18: 42-43.

La fede inarrestabile è focalizzata su Gesù. Quella fede ci condurrà a un'esperienza spirituale che non avevamo mai avuto prima e che oggi sia il fuoco che il potere dello Spirito Santo vogliono manifestare nella nostra vita.

La fede che non si ferma è quella che abbatte gli ostacoli che il mondo intercorre tra il nostro grido e il potere dall'alto. Bartimeo pianse molto più forte sebbene fosse rimproverato per le sue azioni.

La folla voleva zittirlo, ma Gesù voleva ascoltarlo.

La folla voleva continuare a camminare, proprio come accade oggi, nel mezzo di un mondo accelerato dalle circostanze che affrontiamo, ma sebbene il mondo avanzi, Gesù si ferma ad ascoltare ogni necessità.

Gesù non avrebbe mai più attraversato Gerico e Bartimeo ne approfittò.

Oggi questa opportunità è alla nostra portata. Dobbiamo solo avvicinare i nostri cuori a Dio.

Quel particolare momento segna l'interesse di Gesù per il ministero e per la sua vita. Il contesto storico di questo evento ci mostra che quella settimana il Signore stava andando a Gerusalemme ed era l'ultima volta che sarebbe passato lì, perché sarebbe stato arrestato e avrebbe adempiuto allo scopo di darci la possibilità di trovare (ognuno di noi) il perdono dei nostri peccati, essere lavati dal Sangue della Nuova Alleanza e iniziare una nuova relazione con Dio.

L'ultima volta, c'era una persona che ha approfittato di quell'opportunità. Oggi abbiamo anche l'opportunità di accedere a un tempo di grazia; un momento di visita, dando al Signore il posto per presentarci un messaggio di perdono e un futuro glorioso, spezzando catene, rompendo un passato di sconfitte e un futuro preso per mano del Signore.